網頁圖片
PDF
ePub 版

98

e

II2

xxjv INDICE DELLÉ MATERIE,

nella Betulia Liberata Il Rusignuolo, e il Cu-
del Metastasio.

pag. 96
culo.

132 Occasione.

La Scimia, o sia il BufParnaso ( il) accusato e fone.

135 difeso.

୨୨
La Scusa.

137 Partenza.

107 Separazione d'Ettore , Il Piacere, e il Dolore. III d'Andromaca.

139 Pianto di bella Donna.

Simulazione.

146 I Progettisti. 113 Solitudine.

147 Provvidenza.

117
Sonno.

148 Regolo a’Romani. 118 Superbia.

15o Ritorno. 121 Supplica ad Amore.

155 Ritratto di Rafaello di Temistocle.

156

T pinto da lui medesimo. 122 Tempo.

169 La Rosa, e lo Spino. 123 Tito,

D.

172 La Rosa , il Gelsomino, Trionfo della Gloria.

179

IC e la Querce.

127 Ugolino (Morte del Conte). 183 So

[ocr errors]
[ocr errors][graphic][ocr errors]

POESIE ITALIANE.

AFFETTI UMANI,

Ma se gli affetti umani Tutti fosser distrutti, Dov'è più l' uom? Dall' insensate piante Chi lo distinguerà ? Venti inquieti Son nel mar della vita Gli affetti, anch' io lo so; ma senza venti Non si naviga in mar. Son schiere audaci Facili a ribellar; ma senza schiere Combatter non si può. Spingono quelli E in porto, e a naufragar; producon queste E tumulti, e trofei; tutto dipende Dal nocchier, che prudente , Dal capitan, che saggio, Usi l' impeto loro a suo vantaggio; Perchè l'impeto istesso, Che sciolto è reo (1), se la ragion lo regge , Virtuoso si rende. Il genio avaro Provvidenza esser può, decoro il fasto, Modestia la viltà, zelo lo sdegno; (1) Reo, colpevole,

A

Fin l'invido livore
Bella può farsi (1) emulazion d'onore.
Della ragion vassalli
A servir destinati
Nascon gli affetti, e finchè servi sono,
Non v'è, chi lor condanni.
Chi gli lascia regnar, gli fa tiranni.
Se fra gli argini è ristretto,

Fido serve il fiume ancora
Al bisogno , ed al diletto

Della greggia, e del pastor.
Ma se poi non trova sponda ,

Licenzioso i campi inonda
E l'istesso opprime allora
Negligente agricoltor.

METASTASIO. Astrea placata.

[ocr errors]

A MBIZIO N E.
O bella prisca età del giusto ámica,

Ove in fede vivean (2) Ninfe, e Pastori:
E al buon voler de' semplicetti cori

Paghi eran sol della lor terra aprica (3).
Questa, che scesa è pur dall' altra antica ,

E sa l'uso de' primi anni migliori ,
Come in tante ora è involta ombre d'errori,
Superba , avara, e di virtù nemica ?
(1) Farsi, divenire.

(3) Aprico (2) Vivean per vivevano. sole.

[ocr errors]

esposto al

Come l'inganno ebbe nell' uom ricetto?

E quella , ond' (1) era lieve il nostro esiglio,

Semplicità, come si feo (2) difetto?
Ahi , se fuma di sangue il suol vermiglio,

E se frode v alberga , odio, e sospetto,
Tutto è dell' empia (3) ambizion consiglio!

ANGELO ANTONIO SOMAI.

A M O R E.
Chi crederia (4), che questo
Temerario fanciullo anche fra l'armi
Ardisse penetrar? l'ire feroci,
Le strepitose voci
D' oricalco (5) guerrier punto non tenie.
Scorre in mezzo alle schiere ;
Chi accende , chi ferisce;
Ad uno il senno, all' altro il cor rapisce.
Tutti veggo (6) cambiar. Sfidò quel forte
A cimento la morte ; or trema innanzi
Alla beltà , che diventò suo Nume.
Chi le temute piume
Svelle dall'elmo, ed a vergar le adopra
Molli sensi d' amore ;

altri con

1 Destinata a ferir, su' tronchi imprime

(1) Onde , per la quale, per cui. , vagia, crudele. (2) și feo per si fece, cioè (4) Crederia credercbbe. divenne.

(5) Oricalco, tromba. (3) Empia, colpevole , mal (6) Veggo, vedo.

asta

per

Il nome del suo bene. Eroica impresa
Sembra al guerriero il superar co' vezzi
La durezza d'un core; e quando ha vinto,
Ne trionfa lo stolto,
Come se avesse appunto
Siracusa espugnata , arsa Sagunto.
Prima odiava l' oziosa dimora ,

Or se tromba dal sonno lo desta ,
Odia il giorno, detesta l'aurora

Ayvilito l' amante guerrier.
Già sognava battaglie, ruine ,

Ed or sogna quel volto, quel crine (1),
Quelle ciglia (2), che apprese a temer,

METASTASIO, Asilo ďAmore,

Amor-s' asside alla mia Filli accanto,

Amor la segue ovunque i passi gira :
In lei parla , in lei tace , in lei sospira,

Anzi in lei vive, ond' ella , ed ei (3) può tanto. Amore i vezzi, Amor le insegna il canto;

E se mai duolsi (4), o se pur mai s' adira , Da lei non parte Amore ; anzi si mira

Amor nelle bell’ ire, Amor nel pianto. Se avvien che danzi in regolato errore ;

Darle il moto al bel piede Amor riveggio (5), Come l'auretta quando muove un fiore. (1) Crine, capelli.

(4) Duolsi per si duole. (2) Ciglia per occhi.

(5) Riveggio , rivedo, (3) Ei

per egli.

« 上一頁繼續 »