網頁圖片
PDF
ePub 版
[merged small][ocr errors]

DA MIGLIORI ATTOL:

LIANA. Ed accresciute Cu Tratadi

Poesia liaison, d'alcun :. note ad uso desi Biraneer.,

he si yalsero della lingua

cere alle persone amate la DA A TERGAN: ndolo fare col linguaggio

gli uomini dotti, si diedero Professore nel Collegs de las

Italiana, chiamata allora lell'Italia. nel 1360 dice, che i Siciliani nosti versi volgari. secolo della poesia Italiana dal lo, che può chiamarsi l'infanzia n fecero che balbettare. Barbara ozze le loro espressioni, i lor sen1. (1) br Federico II, uno de' primi poeti Sicilia, e i dotti Italiani, che frequen. vi appresero l'uso della volgar poesia , alle patrie loro. Quindi cominciarono a

ri nella Toscana , in Bologna , ed in altre Presto

sa conoscer queste poesie Siciliane, vegga l'Istoria sia di Crescimbeni , tomo III.

DELLA

POESIA ITALIANA.

so

I

poeti Siciliani furono i primi, che si valsero della lingua Italiana. Volendo costoro far conoscere alle persone amate la grandezza del loro affetto; nè potendolo fare col linguaggio Latino, che era in uso soltanto presso gli uomini dotti, si diedero a compor versi amorosi in lingua italiana, chiamata allora volgare .; perchè usata dal volgo dell'Italia.

Il Petrarca in una lettera scritta nel 1360 dice, che i Siciliani avevano alcuni secoli prima composti versi volgari.

Si può dunque fissare il primo secolo della poesia Italiana dal 1100 fino al 12 30. In questo secolo, che può chiamarsi l'infanzia della nostra poesia , i poeti non fecero che balbettare. Barbara era la lingua da loro usata , rozze le loro espressioni, i lor sen. cimenti poco nobili, c oscuri. (1)

Dopo il 1220 l'Imperator Federico II, uno de' primi poeci di que' tempi, si ferinò in Sicilia, e i dotti Italiani, che frequentavano la di lui corte , vi appresero l'uso della volgar poesia , e lo recarono poscia alle patrie loro. Quindi cominciarono a fiorire i poeti volgari nella Toscana , in Bologna , ed in altre

(1) Chi desidera conoscer queste poesie Siciliane, vegga l'Istoria, della volgar poesia di Crescimbeni , tomo III.

città dell'Italia. Si distinsero, fra gli altri, Dante Alighieri , Guitton d'Arezzo, Guido Guinizelli da Bologna, Cino da Pistoja, e Guido Cavalcanti. Adoperaron essi ne' loro versi una lingua meno rozza, frasi più leggiadre, immagini più vive, pensieri più nobili e più sụblimi. Nel Dante, sopra tutto, scorger si possono moltissime gemme, quantunque alle volte mal pulite o mal legate.

A questi poeti, ed a molti alçri, che fioriron nello stesso tempo, e de' quali fa menzione il Crescimbeni nella sua storia della volgar poesia , . riferir si deve il secondo secolo della poesia Italiana, che durò fino al 1320 incifca.

La volgar poesia però fu molto più felice, e più perfetta ne? tempi di Francesco Petrarca ; epoca alla quale si può fissare il terzo secolo della poesia Italiana. » L'ingegno veramente meo » raviglioso di questo grand' uomo , dice il Muratori, ereditò » tutte le virtù de' vecchi poeti; ma non già i loro difetri. » La leggiadria della lingua, la bellezza dello stile , la nobiltà » de' pensieri, con cui sono tessute le sue rime, giustamente » gli hanno guadagnato il titolo di principe de' poeti lirici 5 d'Italia ; nè finora è venuto fatto ad alcuno di torgli sì bel » pregio; anzi pochi sono quelli, che siano giunti a feliçe» mente imitarlo non che superarlo. » Fiorirono a' tempi di questo grand’uomo, o dopo la sua morte, alcuni altri poeti, i quali, quantunque inferiori ad esso, meritano però moltissima stima. I principali sono : Buonaccorso, Montemagno, Cino Rinuccini, Franco Sacchetti , e Giusto de' Conti, imitatori tutti del famoso Petrarca.

Il quarto secolo, che comincia dopo Giusto de' Conti, non fu molto fortunato per la poesia Italiana. Nulladimeno verso ja metà del 1400 si riscabili la riputazione della nostra poesia ; lo che devesi a Girolamo Benivieni , ad Angiolo Poliziano, al Conte Matteo Bojardo , ad Antonio Tibaldeo, a Serafino dall Aquila , e spezialmente a Lorenzo de' Medici, nelle rime del quale, benchè non si vegga un'intera perfezione, pure vi si

trovano nobili e vagle immagini, e un gusto poetico non inferiore a quello de' migliori poeti.

Il quinto secolo, che comincia dal 1510 fino al 1600, fu felicissimo per la nostra poesia ; essendo questa , per dir cosi , sinata , e giunta ad incredibile gloria in ogni sorta di componimenti, Pochi sono coloro, che non conoscano il merito del Beinbo, di Giovanni della Casa , dell' Ariosto, d'Angiolo di Costanzo , di Luigi Tansillo, di Giovanni Guidiccioni, d’An*nibal Caro, di Torquato Tasso, del Cavalier Guarino, e di molti altri, che lungo sarebbe l'annoverare. In questo secolo ebbero i poeti, generalmente parlando , un ottimo gusto, scrissero con leggiadria , e adoperarono pensieri nobili , profondi , e naturali. Osservisi però, che verso la fine del secolo cominciarono ad amare i pensieri ingegnosi, i concetti arguri, gli ornamenti vistosi , e brillanti.

Il Cavalier Marini fu quello , che più d'ogni altro promosse questo cattivo gusto, e che pervenne ad introdurlo nel Parnaso Italiano. Quindi è, che dopo il 1600 quasi tutti i poeti Italiani seguirono lo stil Marinesco, mossi dalla gran riputazione, e dal raro plauso che questo poeta s'era acquistato. Bisogna però eccettuare due nobili ingegni; cioè Gabriello Chia · brera, e il Conte Fulvio Testi, il primo de' quali si volse ad imitare gli antichi Lirici Greci, e l'alựro i Lirici Latini ; per lo che si acquistarono ambedue un nome immortale.

Verso la metà del 1600 cominciò finalmente l'Italia a riaversi dal grave sonno, in cui era per tanto tempo giaciuta. La celebre adunanza dell'Arcadia cooperò moltissimo a salvar dal naufragio la poesia Italiana. Francesco Redi, Benedetto Menzini , Vincenzo da Filicaja , Carlo Maria Maggi, Francesco de Lemene , ed infiniti altri, che per brevità cralascio , resero alla nostra poesia quello splendore , in cui si vede a' giorni nostri; giorni felici, e che non hanno niente da invidiare ai secoli del Petrarca , c del Tasso,

« 上一頁繼續 »