網頁圖片
PDF
ePub 版

Troppo languida, e troppo
Infeconda materia è de' lor carmi
La tranquilla Virtù. Fra le tempeste
De' violenti affetti
Voglion l' alme agitar. Soggetti illustri
Sono del canto lor d'Atreo le cene,
Del Trojano amator l'empie faville, (1)
Il furor di Medea , l' ira d'Achille.
Così del reo talento, a cui l'inclina
La natia (2) debolezza , in quelle carte
Trova ognuno alimento. Ivi il superbo
Nutrisce il proprio orgoglio; ivi fomenta
Un amator l'impura fiamma ; ed ivi
Quel cor soggetto all' ira
S'accende , avyampa , alle vendette aspira.
Ed impor non dovrassi

Il silenzio alle Muse ?
APOLLO. No; l'Eliconie Dive (3)

Nemiche alla Virtù non sono, o Dei;
Anzi l' alme più schive
Per la via del piacer guidano a lei.
Studiansi, è ver,

l' umane
Passioni a destar; ma chi volesse
Estinguerle nell' uomo, un tronco, un sasso
Dell' uom faria. (4) Non si corregge il mondo,

[merged small][ocr errors][merged small]

Si distrugge così. L'arte sicura
È sedare (1) i nocivi ,
Destar gli utili affetti. Arte concessa
Solo a' seguaci miei. Sol questi sanno
Togliere all' uom dal volto
La maschera fallace, e agli occhi altrui
Tale esporlo , qual è, quando l'aggira
L'odio, l' amor, la cupidigia, o l' ira.
Nè vero è già , che dipingendo i falli,
Gli altri a fallir s inviti. È della colpa
Si orribile l'aspetto,
Che parla contro lei , chi di lei parla;
Che per farla abborrir , basta ritrarla.
Là su l’ Attiche scene
La gelosa Medea trucidi i figli,
Dal talamo (2) Spartano,
Violator degli ospitali Numi,
Quà la sposa infedel Paride involi;
Chi sarà quell

' insano Che Medea non detesti , o il reo Troiano ? Più d'ogni altro in suo cammino, È a smarrirsi

esposto ognora,
Chi le colpe affatto ignora ,

Chi l'idea di lor non ha.
Come può ritrarre il piede

Inesperto pellegrino
Dagl' inciampi, che non yede ,

Da' perigli, che non sa ? (1) Sedare, calmare.

(2) Talamo, letto nuziale.

[ocr errors]

LA VERITÀ. Ma dalle accuse mie, Delfico Nume,

Il diletto Parnaso
Come difenderai ? Dimmi , se puoi,
Che bugiardo non è; che di chimere
Non riempia le carte;
Che il suo pregio non sia mentir per arte.
Ma fosse almen contento
Della sola menzogna; il mio rossore
Saría (1) minor. Con la bugía nemica
Ad accoppiarmi arriva ; e si m'accoppia
Malignamente a quella ,
Che spesso la bugía sembra più bella.
L'ordine degli eventi,
La serie delle età , l' imprese, i nomi,
La gloria degli eroi cangia , pospone ,
Inventa a suo piacer. Sol che a lui giovi
Per destar meraviglia ,
Del sangue d'una figlia
Macchia le scelerate are (2) d'Aulide,
Benchè innocente Atride;
Dido, benchè pudica,
D'amor si finge rea,
Dopo la terza età rinasce Enea,
Se la menzogna è lode,

Chi non vorrà mentir,
Chi più vorrà seguir
L'orme del vero?

(1) Saría, sarebbe.

(2) Are,

altari.

torto

Virtù sarà la frode;

E si dovrà sudar
Il vanto a meritar

Di menzognero.
APOLLO. Chi adempie ciò, che altrui promise, a

Chiamasi menzogner. Mai del Parnaso
Peso non fu d' esaminar l'esatta
Serie degli anni, e degli eventi. Un'altra
Schiera s' affanna a simil cura intesa;
Nè bisogna il mio Nume a quest 'impresa.
Sul faticoso , ed erto
Giogo della Virtù l' alme ritrose
Sempre guidar per vie fiorite, e delle Muse
Cura, e pensiero. A così bel disegno
È stromento opportuno il falso , e il vero,
Purchè diletti. A dilettar bisogna
Eccitar meraviglia ; ed ogni evento
Atto a questo non è. L'arte conviene,
Che inaspettato il renda ,
Pellegrino , sublime , e che l' adorni
De' pregj, ch' ei non ha. Così diviene
Arbitra d'ogni cor; cosi gli affetti
Con dolce forza ad ubbidirla impegna ;
E col finte allettando, il vero insegna.
Che nuoce altrui, se l'ingegnosa scena
Finge un guerriero, un cittadino, un padre?
Purchè ritrovi in essi
Lo spettator se stesso, e ch' indi impari,

Ma scopre

Qual è il dover primiero
D'un cittadin , d'un padre, e d' un guerriero
Finta è l' immago (1) ancora

Che rende agli occhi altrui
Il consiglier talora
Cristallo imitator.

il suo difetto
A chi si specchia in lui;
Ma con quel finto aspetto

Corregge un vero error.
IL MERITO. Questo sudor, che vedi

Sul mio volto grondar , queste lucenti
Note (2) di sangue , e di ferite, e questa
Su la mia chioma incolta
Nobil polve raccolta
Per le strade d'onor , son fregi orinai
• Vani per me. L'adulator Parnaso,
Ch' esser dovria (3) di mia ragion custode,
Ha tolto il prezzo alla verace lode.
Mercenario, e maligno
Il falso, il vero a suo talento esprime ,
E gl' indegni esaltando, i buoni opprime.
Sia l' orror de' mortali
De tiranni il più reo,

la Patria accenda , Trafigga il sen, che lo produsse ; aspersa Pur di sangue civil penna

si trova, Che i delitti ne approva,

(3) Dovria, dovrebbe,

(1) Immago per immagine. (2) Note, macchie,

« 上一頁繼續 »